Forte terremoto di magnitudo 4.8 scuote nella notte il catanese: danni e almeno 10 feriti

Stanotte, alle ore 3.19, un terremoto di Magnitudo Locale 4.8 e Ipocentro di 1.2 km ha colpito le falde dell’Etna. Una scossa dall’effetto amplificato proprio per la superficialità dell’ipocentro del sisma, a praticamente solo un chilometro di profondità. Il terremoto è stato avvertito anche a Taormina, nel Siracusano e nel Ragusano. 
Le tre località più vicine all’epicentro sono (in ordine di distanza):
1) Viagrande (CT) (1.7 km)
2) Trecastagni (CT) (2.2 km)
3) Aci Bonaccorsi (CT) (2.9 km)

È stato chiuso precauzionalmente al traffico un tratto dell’autostrada Catania-Messina, la A18, per la presenza di ‘lesioni’ sospette sull’asfalto createsi dopo la scossa. Il blocco è tra i caselli di Acireale e Giarre. L’eventuale riapertura sarà decisa dopo sopralluoghi e verifiche su sicurezza e stabilità del tratto autostradale al momento chiuso al traffico. L’intensa attività sismica sul vulcano al momento non ha  alcun impatto sull’attività dell’aeroporto internazionale di Catania, che è pienamente operativo.

 

©centrometeosicilia.it
Seguiteci su: https://www.facebook.com/centrometeosiciliano/
Canale Telegram: https://t.me/centrometeosicilia