La “bassa pressione”: cos’è e come si forma?

L’estate è ormai finita e cominciano a susseguirsi le prime basse pressioni organizzate di stampo autunnale. Ma cos’è una bassa pressione o “depressione”? Vediamo insieme di cosa si tratta.
La bassa pressione ha luogo quando aria calda preesistente in un territorio tende a salire nell’atmosfera poiché più leggera di quella fredda, salendo la pressione al suolo diminuisce, come anche la temperatura. Proprio per colmare questo “vuoto” che si viene a creare, si attivano forti venti dovuti proprio alla differenza di pressione tra masse d’aria diverse (ovvero tra anticicloni e basse pressioni).

L’aria calda che tende a salire genera ovviamente moti convettivi e condensazione, quindi assisteremo alla continua formazione di nubi più o meno estese e compatte. E’ evidente quindi che le basse pressioni siano associate quasi sempre a cattivo tempo, che risulterà più o meno intenso in base all’approfondimento o meno della struttura depressionaria o di un eventuale “fronte meteorologico” (di cui parleremo nei prossimi articoli).
Anche i venti saranno diversi in direzione in base a queste variabili, come anche la tipologia dei fenomeni ad essa associati.

Esistono delle aree di bassa pressione pressoché permanenti (come avviene anche con gli anticicloni), figure che si formano e stazionano nella stessa area tutto l’anno, una fra tutte è la famosa depressione d’Islanda. Questa bassa pressione favorisce per l’Europa condizioni di tempo instabile e perturbato quando tende ad abbassarsi di latitudine e a far scendere il flusso zonale.
Al contrario quando è presente un Anticiclone delle Azzorre troppo imponente verso nord e nord-est, questa depressione può spostarsi del tutto in pieno oceano o verso nord, divenendo un tutt’uno col vortice polare.

Inoltre, nella stagione autunnale, le maggiori figure depressionarie nel bacino Mediterraneo sono quelle afro-mediterranee, responsabili delle ondate di maltempo tipiche del nostro autunno.

 

Articolo di: Veronica Adamuccio

©centrometeosicilia.it
Seguiteci su: https://www.facebook.com/centrometeosiciliano/