L’inverno meteorologico esordisce con una nuova perturbazione in arrivo da sabato, poi graduale miglioramento

Un saluto dalla redazione del CMS ai nostri lettori.
Il primo assaggio di inverno che ha interessato la nostra isola ci ha regalato le prime nevicate sopra i 1400/1500 metri imbiancando le Madonie e i Nebrodi e distribuendo piogge diffuse che hanno colpito in particolar modo la fascia tirrenica.

ANALISI

La spinta verso est dell’alta pressione favorirà il definitivo allontanamento della goccia fredda responsabile del maltempo di questi giorni.
La tregua tuttavia sarà effimera in quanto un nuovo impulso perturbato proveniente dal’atlantico si fionderà sul Mediterraneo nella giornata di sabato arrecando un nuovo peggioramento del tempo su tutta la Sicilia, in particolare sul settore ionico.
L’alta pressione tuttavia non si darà per vinta, infatti già dalla giornata di domenica, un suo rapido “spanciamento” verso l’Italia favorirà un graduale miglioramento del tempo chiudendo questa volta in maniera più incisiva la porta atlantica.
A quel punto l’anticiclone non avrà più ostacoli riuscendo a prendere possesso del Mediterraneo con l’inizio della prossima settimana garantendo un generale aumento delle temperature e il ritorno a condizioni più primaverili che autunnali.

EVOLUZIONE

Venerdì 30 novembre: avremo condizioni di cielo parzialmente o irregolarmente nuvoloso al mattino, dal pomeriggio aumento della nuvolosità a partire da sud con possibili deboli piogge sul settore centro-meridionale. Le temperature saranno in moderato aumento mentre i venti soffieranno deboli o moderati dai quadranti meridionali. Per quanto riguarda i mari: poco mosso il Tirreno, mossi i restanti bacini.

Sabato 1 dicembre: cielo molto nuvoloso ovunque e tempo instabile con piogge e rovesci sparsi. I fenomeni potranno risultare localmente intensi fra trapanese e agrigentino, costa meridionale e sul settore orientale dove non escludiamo spunti temporaleschi. Variabilità in serata con possibili fenomeni fra costa tirrenica e catanese. Venti dapprima di libeccio in rotazione durante il giorno dai quadranti settentrionali. Le temperature saranno stazionarie o in lieve calo mentre i mari risulteranno mossi ad eccezione dello Ionio che si manterrà molto mosso.

Domenica 2 dicembre: ancora spiccata variabilità sul settore tirrenico e fra ragusano e siracusano dove saranno possibili piogge e rovesci a carattere sparso, altrove il cielo si manterrà nuvoloso o molto nuvoloso ma senza fenomeni di rilievo. I venti soffieranno moderati o sostenuti dai quadranti settentrionali mentre le temperature saranno stazionarie e in linea con le medie stagionali. Mari mossi o molto mossi.

 

Articolo di: Stefano Albanese

©centrometeosicilia.it
Seguiteci su: https://www.facebook.com/centrometeosiciliano/
Canale Telegram: https://t.me/centrometeosicilia