Luca Parmitano: l’astronauta siciliano al comando della missione ‘Beyond” al via nel 2019

Nella prossima missione della stazione spaziale internazionale (ISS) scorrerà del sangue siciliano. L’astronauta e pilota militare dell’ESA (Agenzia Spaziale Europea) Luca Parmitano farà da capitano durante la missione ”Beyond” in italiano ”Oltre”. Questa notizia è stata annunciata questa settimana, durante una riunione organizzata dall’ESA in Italia, a Frascati, in provincia di Roma dove era ovviamente presente anche lo stesso AstroLuca (il soprannome di Parmitano) nel giorno del suo 42esimo compleanno. Nato a Paternò, in provincia di Catania, il 27 Settembre del 1967, si è diplomato al Liceo Scientifico Statale “Galileo Galilei” del capoluogo etneo, nel 1999 si è laureato in scienze politiche e un anno dopo ha conseguito il diploma all’Accademia Aeronautica Italiana di Pozzuoli. Successivamente si è diplomato in specializzazione di ingegneria di collaudo di volo. Parmitano ad oggi è diventato tenente colonnello dell’Aeronautica Italiana nonchè anche astronauta ESA, ed è stato il primo italiano impiegato ad attuare un’esercizio extraveicolare (EVA) il 9 luglio 2013, con 6 ore e 7 minuti di passeggiata spaziale.

Il logo della missione Beyond e Luca Parmitano. Credit: ESA

Il 16 Luglio, durante la seconda attività extraveicolare (cioè esterna dalla navicella spaziale) l’astronauta italiano ha vissuto momenti drammatici a causa di una perdita di acqua all’interno della tuta con conseguente perdita delle comunicazioni con l’Iss dovendo interrompere il servizio procedendo con il rientro d’urgenza nella capsula. Questo incidente ha lasciato solo molto spavento ma non ha dopotutto allontanato la realizzazione di nuovi progetti extraveicolari da parte dell’astronauta siciliano. La prossima missione ”Oltre” prevista per il 2019 impiegherà nuove tecnologiche per esplorare la superficie della Luna e di Marte. Ciò si evince dal logo della missione Beyond: un disco che rievoca la forma di un casco, sulla destra un richiamo alla Terra e nel fondale i simboli della Luna ,di Marte e dello spazio profondo, quelle che sono appunto le finalità principali della missione: migliorare l’esplorazione umana e robotica del piano marziano e lunare. Con il comandante Luca viaggeranno l’astronauta della Nasa Andrew Morgan e il cosmonauta russo di Roscosmos Alexander Skvortsov accompagnati da Cimon (Crew Interactive MObile companioN o compagno mobile interattivo per l’equipaggio), un robot provvisto di intelligenza artificiale e capace di riconoscere persino i volti umani.

 

Articolo di: Alessia Tumminello

©centrometeosicilia.it
Seguiteci su: https://www.facebook.com/centrometeosiciliano/