Home / Rubriche / Astronomia / Occhi puntati al cielo: questa sera MERCURIO e VENERE brilleranno vicini dopo il tramonto

Occhi puntati al cielo: questa sera MERCURIO e VENERE brilleranno vicini dopo il tramonto

Venere e Mercurio la sera del 21 maggio 2020. Credit: Teresa Molinaro

Tra poche ore andrà in scena lo spettacolo più atteso di questo mese: la congiunzione tra i pianeti Mercurio e Venere.
Il pianeta dell’amore, si sa, è stato il protagonista del cielo invernale e anche primaverile, dove spesso si è esibito in danze e spettacoli accanto alla Luna e alle Pleiadi, in una congiunzione che potremo ammirare nuovamente tra 8 anni!
Ma a rubargli la scena nelle prossime sere sarà l’elusivo pianeta Mercurio, il quale, in genere, è molto difficile da osservare poiché molto vicino al Sole.
Il periodo primaverile è, in linea di massima, quello più favorevole per rintracciare Mercurio, poiché esso si trova alla massima elongazione, cioè in quel punto dato dall’angolo formato tra il Sole e il pianeta in questione.
Quando un pianeta interno, come Mercurio e Venere, è visibile dopo il tramonto, si dice che esso sia alla sua massima elongazione est; nel caso contrario, quando un pianeta è visibile prima dell’alba, esso è alla sua massima elongazione ovest.
Individuare Mercurio in queste sere sarà molto semplice, in quanto basterà orientarsi verso ovest, dove nelle prossimità di Venere, sarà possibile scorgere un punto luminoso che indica il tanto sfuggente pianeta, poco avvezzo a farsi ammirare. 

Questa è la mappa celeste di come apparirà l’orizzonte ovest la sera del 24 maggio 2020. Credit: divulgazione.uai.it

Sarà proprio questa sera 22 maggio che Mercurio offrirà un ballo al pianeta dell’amore e i due danzeranno stretti subito dopo il tramonto, nell’affascinante atmosfera crepuscolare; starà a noi amanti del cielo ammirarli,  immergendoci in sognanti osservazioni ad occhio nudo, per passare poi alle più tecniche riprese al telescopio per immortalare l’evento.   Ma non è finita qui: nelle serate successive Mercurio e Venere saranno ancora un po'(relativamente) vicini, ma nell’interessante quadro celeste si inserirà anche la Luna, che con una sottilissima falce crescente farà da cornice al bellissimo duetto tra i due pianeti.
Le date del 24, 25 e 26 maggio saranno quelle più opportune per osservare l’evento al meglio.
Mercurio poi sarà il protagonista del cielo, da queste sere in avanti, sino a quando il 31 maggio tramonterà ben 1 ora e 54 minuti circa dopo il Sole; ciò significa che sarà alla massima visibilità e avremo più tempo per godere della sua vista.
Il pianeta ci terrà ancora compagnia per quasi tutto il mese di giugno, quando lo vedremo brillare ad ovest e si lascerà ancora ammirare prima di scomparire nuovamente dalla nostra vista, ma lasciandoci il ricordo delle festose danze con Venere e la Luna;      Mercurio scivolerà lentamente sotto l’orizzonte occidentale, lasciando il palcoscenico celeste alla sfilata di pianeti come Giove, Saturno e Marte, che impreziosiranno il cielo nelle sere d’estate.           

 

Articolo di: Teresa Molinaro
©centrometeosicilia.it
Seguiteci su:https://www.facebook.com/centrometeosiciliano/
Canale Telegram:https://t.me/centrometeosicilia