Home / Rubriche / Approfondimenti Meteo / Peggioramento di stampo tardo autunnale in arrivo, piogge e temporali sparsi accompagneranno un importante calo termico

Peggioramento di stampo tardo autunnale in arrivo, piogge e temporali sparsi accompagneranno un importante calo termico

La settimana appena trascorsa è stata caratterizzata da forti episodi di maltempo su una gran parte del territorio regionale con temporali e nubifragi sparsi (purtroppo localmente alluvionali) dovuti a vari sistemi depressionari afro-mediterranei che hanno interessato il Mediterraneo centro-occidentale a più riprese.  Dopo l’illusoria pausa di inizio weekend, già in queste ore le prime avvisaglie di un nuovo cambiamento meteo-climatico si registrano sulla nostra isola con rovesci e locali temporali sparsi sulle aree interne isolane, avvisaglie tangibili di un nuovo peggioramento più organizzato ormai alle porte. Condizioni di rinnovato maltempo, infatti, interesseranno la Sicilia ad inizio settimana con fenomeni sparsi e temperature in forte calo che si porteranno al di sotto delle medie stagionali. Ma cosa succederà sullo scacchiere europeo? Da dove giungeranno le insidie stavolta?

Situazione temperatura e Geopotenziali in Italia previsti per la serata di domani. Modello: MeteoNetwork LAM

Un poderoso Anticiclone delle Azzorre (valori localmente superiori ai 1045hPa pieno Atlantico) abbraccerà gran parte dell’Europa centro-occidentale lasciando scoperto il Mediterraneo centro-orientale (Italia compresa). Proprio qui, in queste ore, una insidiosa goccia fredda di natura artica sta entrando sul Mediterraneo dalla porta della bora e favorirà le condizioni ideali per la formazione di un’intensa depressione al suolo proprio sul Belpaese. Valori in quota di tutto rispetto (fino a -24 a 500hPa) andranno a scontrarsi/incontrarsi con aria più calda ed umida preesistente nonché con acque marine ancora decisamente tiepide, favorendo possibili fenomeni intensi, locali grandinate o fenomeni vorticosi (presenza in quota di un ramo del JetStream che avrà il merito di destabilizzare ancor di più la colonna d’aria). Tale area depressionaria, dopo essersi tuffata sul Mar Tirreno, tenderà a traslare prima verso il Canale di Sicilia e poi verso lo Ionio interessando la nostra isola sino alla giornata di mercoledì (questa volta ci aspettiamo le piogge più intense lungo fascia tirrenica, più esposta a questo tipo di configurazioni). Possibile la prima neve di stagione lunedì sera sulle cime più alte di Madonie e Nebrodi nonché sull’Etna (oltre i 2000 metri d’altezza).

PREVISIONE PER I PROSSIMI GIORNI:

Lunedì 22 ottobre: durante la nottata  rovesci e temporali sparsi tra trapanese, agrigentino, palermitano e messinese con possibili grandinate. Fenomeni sparsi lungo la fascia ionica. In mattinata piogge e locali manifestazioni temporalesche tra gelese, ennese e catanese, momentaneo miglioramento sulle aree occidentali. Nuovo peggioramento in arrivo nel pomeriggio-sera con rovesci e temporali sparsi specie sul settore occidentale e nord-occidentale isolano. Isoterme fino alla +5 ad 850hPa raggiungeranno l’isola con un nuovo e brusco calo termico accompagnato dalle prime nevicate sulle cime più alte di Madonie, Nebrodi ed Etna (in caso di fenomeni accumuli a partire dai 2000 metri sui versanti settentrionali). Venti moderati nord-occidentali, in rinforzo sul trapanese in serata. Mari inizialmente mossi, agitati entro fine giornata i bacini occidentali. Poco mosso lo Ionio.

Sommatoria delle precipitazioni previste sino alle ore 06:00 di mercoledì. Modello: MeteoNetwork LMA

Martedì 23 ottobre: durante la notte tempo perturbato specie tra trapanese, palermitano ed agrigentino occidentale con piogge e temporali. Possibili locali nubifragi. Qualche fenomeno sparso anche sulla costa ionica tra catanese e siracusano. Al mattino fenomeni sparsi, localmente violenti, sulla fascia tirrenica (specie tra palermitano e messinese) ove si attiverà la ritornante perturbata del vortice depressionario che nel frattempo sarà traslato verso il mar Ionio. La situazione rimarrà immutata per parte del giorno con i fenomeni che in serata raggiungeranno anche il versante ionico. Tempo variabile altrove con isolati fenomeni. Temperature stazionarie le massime, ancora in leggero calo le minime. Venti moderati o forti da nord/nord-est. Mari agitati i bacini occidentali, ancora mosso o poco mosso lo Ionio.

Mercoledì 24 ottobre: durante la nottata ancora possibili fenomeni sul palermitano (possibile stau da grecale) e basso versante ionico. Durante il mattino miglioramento graduale su tutta l’isola, ancora qualche locale fenomeno tra palermitano e messinese tirrenico. Tempo tutto sommato asciutto tra il pomeriggio e la sera dove comunque non mancheranno locali annuvolamenti anche compatti. Temperature stazionarie o in lieve aumento. Venti dai quadranti settentrionali in attenuazione. Mari generalmente mossi tutti i bacini, poco mosso il Canale di Sicilia.

 

Articolo di: Davide Pitarresi

©centrometeosicilia.it
Seguiteci su: https://www.facebook.com/centrometeosiciliano/