Home / Rubriche / Astronomia / Arp 273: una ROSA spaziale per i più romantici.

Arp 273: una ROSA spaziale per i più romantici.

Lo spazio è un luogo infinito e misterioso, popolato da oggetti caratterizzati dalle forme più disparate ed affascinanti.                               Oggi ve ne proponiamo uno tra i più romantici, una rosa galattica.    

 

Un’immagine di Arp 273 scelta come APOD della NASA nel novembre 2019. Credit: NASA

E quale momento migliore per farlo, poiché maggio è il mese che viene definito, comunemente, come il mese delle rose. Vi chiederete che cosa abbiano a che fare le rose con un oggetto “spaziale”. Beh, vi basterà guardare questa immagine per capirlo.               A  circa 300 milioni di anni luce dalla Terra, nella costellazione di Andromeda, si trova uno degli oggetti più belli immortalati dal telescopio spaziale Hubble; si tratta di un’ accoppiata di galassie interagenti, chiamata Arp 273, con la cui immagine gli astronomi vollero celebrare, nel 2011, il 21° anniversario di attività di Hubble.                     La galassia maggiore, quella posta in alto, prende il nome di UGC 1810, mentre quella minore, posta più in basso, si chiama UGC 1813, e vivono in un’atmosfera tutt’altro che pacifica, poichè tra le due è in atto una vera battaglia da cui usciranno sicuramente stravolte (nell’aspetto).                                                                                                                       A quanto pare la galassia minore, in passato, ha già attraversato la galassia maggiore, il cui risultato è l’aspetto che conosciamo; mentre una probabile terza galassia molto più piccola si intravede in alto a destra, all’interno di uno dei due bracci a spiarale della galassia maggiore.                                                                                                                             La caratteristica forma della galassia maggiore UGC 1810, deriva dall’attrazione gravitazionale dalla compagna più piccola UGC 1813.                                                                                                                                                                                                                                        Dallo scontro tra le due, sono derivati numerosi ammassi di stelle giovani e calde, che sono quelle che nell’immagine appaiono come dei piccoli e luccicanti gioielli di colore blu.                                                                                                                                                                       La “rosa” UGC 1810, rispetto al suo “stelo”, ha una massa che è circa 5 volte maggiore di UGC 1813.                                                           In coppie di galassie con questo tipo di differenze tra le due componenti, il passaggio in tempi relativamente brevi di un oggetto, determina la struttura asimmetrica della galassia e della sua spirale principale.                                                                                                     Inoltre, da tali incontri/scontri, l’attivitàdi formazione stellare che ne deriva, ha inizio dalla galassia minore, questo perchè probabilmente le galassie più piccole consumano minori quantità del gas presente nel loro nucleo.                                                                Tra le due, a dispetto di quanto possano sembrare vicine dal nostro punto di osservazione, intercorre una distanza di circa 100.000      anni luce.                                                                                                                                                                                                                                   L’universo non smette mai di sorprenderci, è vero, ma bisogna riconoscere il lavoro del telescopio spaziale Hubble, che in tutti questi anni di attività ci ha resi spettatori di innumerevoli meraviglie astronomiche. 

 

Articolo di: Teresa Molinaro
©centrometeosicilia.it
Seguiteci su:https://www.facebook.com/centrometeosiciliano/
Canale Telegram:https://t.me/centrometeosicilia