Home / Rubriche / Analisi e Tendenze modellistiche / Breve incursione africana GIOVEDÌ 4, VENERDÌ 5 sferzata temporalesca con rischio NUBIFRAGI

Breve incursione africana GIOVEDÌ 4, VENERDÌ 5 sferzata temporalesca con rischio NUBIFRAGI

Ormai l’estate meteorologica ha preso pieno possesso del Mediterraneo, tuttavia il mese di giugno sta mostrando chiari segni di irrequietezza, tipica più della stagione primaverile.
La causa è da attribuire a marcate ondulazioni del flusso zonale, agevolate da un indice NAO in territorio debolmente negativo con conseguente indebolimento dell’alta pressione delle Azzorre, già pronta ad arroccarsi in pieno Atlantico e successiva predominanza di un’azione più meridiana della corrette a getto a scapito del suddetto flusso zonale.
A completare l’impianto sinottico attuale, ci fornisce un’ulteriore contributo l’indice PNA, che, pur connesso alle dinamiche in sede Pacifico/nord-America, la sua fase debolmente negativa, depone per una vivace attività depressionaria in Atlantico, che tende quindi a porre evidenti ostacoli ai movimenti dell’alta pressione delle Azzorre, esaltando quindi gli scambi meridiani.


Alla luce di tutto ciò si prospetta un quadro meteo-climatico improntato ad una grande dinamicità, con un moderato richiamo di natura prefrontale che nella giornata di domani giovedì 4 giugno, sarà responsabile di un generale aumento delle temperature che si porteranno su valori estivi su gran parte del territorio.


I valori più elevati li registreremo su alcune zone del settore tirrenico del palermitano, specie le vallate subito a sud della costa tirrenica, con punte di +30/+33 °C e sulle pianure del catanese dove registreremo punte di +32/+34 °C. Valori prossimi ai +28/+30 °C altrove, ad eccezione del messinese ionico dove l’azione mitigatrice del mare sarà più incisiva.


A partire dalla mattina di venerdì 5 giugno, i contrasti generati dall’ingresso di aria più fresca atlantica, insieme ad una possibile linea di convergenza fra correnti occidentali e meridionali, potrà dare origine da una insidiosa squall-line temporalesca che investirà la Sicilia col suo carico di rovesci e temporali.

Dedicheremo a questa fase un ulteriore focus in quanto i modelli mantengono  alcune discordanze sulla reale entità di tale passaggio perturbato. Vi invitiamo a seguire i nostri prossimi aggiornamenti.

 

Articolo di: Stefano Albanese

©centrometeosicilia.it
Seguiteci su: https://www.facebook.com/centrometeosiciliano/
Canale Telegram: https://t.me/centrometeosicilia