Home / Rubriche / Analisi e Tendenze modellistiche / Sicilia: prima metà di aprile siccitosa, quali le prospettive future?

Sicilia: prima metà di aprile siccitosa, quali le prospettive future?

Siamo quasi al giro di boa del mese di aprile, un mese che fino ad oggi si sta rivelando particolarmente carente di piogge.
Un po’ tutta la Sicilia infatti, dopo un febbraio ed un marzo abbastanza piovosi, sta registrando pesanti anomalie precipitative specie sull’area orientale.

La principale causa di questa battuta d’arresto è da attribuirsi ad un pattern climatico sfavorevole per la nostra isola, caratterizzato da un costante flusso sud-occidentale di correnti in quota troppo sbilanciato verso ovest che non fa altro che pilotare le grandi perturbazioni atlantiche sul centro e sul nord-Italia lasciando spesso la Sicilia non solo a secco, ma anche sotto il richiamo di correnti miti (a tratti calde) provenienti dal nord-Africa.

Quello che è lecito chiedersi è come potrebbe proseguire il mese di aprile?

Purtroppo giungono elementi poco incoraggianti dai principali indici climatici; la carta che vi mostriamo, elaborata dal Seasonal Forecast System del Centro di calcolo Europeo ECMWF continua ad intravedere per il prosieguo del mese di aprile anomalie persistenti sulla Sicilia e su parte del centro-sud.

Il fatto che il nord-Italia (specie il nord-ovest) continui a registrare anomalie piovose positive anche per la seconda metà del mese, è il segno di come il pattern climatico attuale rimanga anche per le prossime settimane bloccato.

A suffragare tale tendenza è l’indice NAO (dato dalla differenza di pressione tra l’Anticiclone delle Azzorre posizionato sul nord-Atlantico e la depressione islandese) in successiva fase positiva, il che potrebbe indicare un rafforzamento del vortice islandese e un conseguente rinvigorimento dell’alta pressione, confinando le grandi perturbazioni sempre più verso latitudini settentrionali.

NOTA: ricordiamo che l’analisi fatta rappresenta una tendenza e non una previsione.

 

Articolo di: Stefano Albanese

©centrometeosicilia.it
Seguiteci su: https://www.facebook.com/centrometeosiciliano/