Home / Rubriche / Astronomia / VIA LATTEA: la nostra casa galattica tra mito e scienza

VIA LATTEA: la nostra casa galattica tra mito e scienza

Secondo la mitologia greca Zeus, padre degli dei, si era invaghito della mortale Alcmena. Per sedurla si trasformò nel marito di lei, Anfitrione, e dalla loro unione nacque il leggendario Eracle.                                                                                                                                   Per rendere il figlio completamente divino (e quindi immortale) Zeus provò ad avvicinare il bimbo al seno di Era, moglie di Zeus e regina degli dei. L’intento era quello di nutrire il piccolo con il prodigioso latte divino.                                                                                         Il bambino si attaccò con grande forza al seno di Era mentre essa dormiva che si ritrasse subito, facendo schizzare il latte in cielo.  Quella spruzzata di latte, secondo i greci, divenne la Via Lattea.                  

La Via Lattea si staglia nel cielo delle Madonie in un sera d’agosto. Credit foto: teresamolinaro.it

La Via Lattea è una Galassia a spirale barrata , ovvero una galassia composta da un nucleo attraversato da una struttura a forma di barra da cui si dipartono i bracci di spirale che seguono un andamento logaritmico;  essa ospita il nostro sistema solare, situato nel braccio di Orione;  al suo centro la Via Lattea ospita un buco nero supermassiccio di nome  Sagittarius A*.                                                             Osservando il cielo nelle sere d’estate da un luogo molto buio è facile riconoscere quel fiume biancastro di stelle che investe la volta celeste; la parte più luminosa è quella in direzione della costellazione del Sagittario,  dove è situato il centro galattico.                 Il periodo migliore per l’osservazione è quello che va dalla primavera all’autunno, poiché è il momento in cui appare la parte più luminosa della Via Lattea: è uno spettacolo assicurato riuscire ad individuarla almeno una volta nel cielo notturno, sembra quasi che tutto intorno si fermi dinanzi a quello splendore di stelle che lascia quasi senza fiato, a  perdersi in sogni.                                                                                          

Articolo e foto di copertina di: Teresa Molinaro                                                                                                                   ©centrometeosicilia.it
Seguiteci su: https://www.facebook.com/centrometeosiciliano/
Canale Telegram: https://t.me/centrometeosicilia